LA NEUROPSICOMOTRICITA'

 


Abbiamo selezionato per questa sezione i documenti che possono delineare, a nostro avviso il ruolo, le mansioni e le specificità della figura professionale del Terapista della Neuro e Psicomotricità dell'Età Evolutiva. I documenti presenti ci introducono inoltre, a una ricognizione storica della progressiva evoluzione del contesto formativo del TNPEE e quindi della progressiva definizione professionale.

È per noi interessante leggere i diversi articoli nella loro interezza, in quanto ciò sottolinea come anche prospettive differenti convergono su tematiche importanti, relativamente alla riabilitazione in età evolutiva, quali: l'opportunità di un intervento individualizzato non centrato sul disturbo, la funzionalità di strumenti comunicativi condivisi (l'ICF), la necessità di interventi integrati, il discorso delle abilità emergenti ecc.

Questi contributi sono stati realizzati all'interno del lavoro della Commissione Nazionale Lauree di I° livello in Terapia della Neuro e Psicomotricità dell'Età Evolutiva presso la Conferenza Nazionale delle Professioni Sanitarie (Andrea Bonifacio, Fiorenza Broggi, Donatella Valente, Roberto Militerni)

 

 

SPECIFICITA’ DELL’INTERVENTO RI-ABILITATIVO

SULLE DISABILITA’ DELLO SVILUPPO

 

Lo sviluppo è il periodo in cui si assiste alla comparsa di una serie di abilità emergenti che vengono collocate in specifici settori o aree (motoria, prassica, cognitiva, comunicativo-linguistica, affettivorelazionale).

Questa sistematizzazione risponde a esigenze esclusivamente didattico-descrittive. Nel bambino ogni abilità emergente (competenza) è il prodotto di un assetto dinamico fra una enorme quantità di funzioni che interagiscono tra loro.

I comportamenti che osserviamo nel bambino cioè le sue abilità possono essere ascritte a specifiche aree o settori, ma le funzioni che le sottendono e ne determinano l’insorgenza sono trasversali alle diverse aree. Tali funzioni sono: il sistema attentivo, l’elaborazione percettiva, la memoria di lavoro, i sistemi di controllo, la motivazione, la regolazione affettiva.

Non esiste abilità emergente che non veda coinvolte tutte queste funzioni contemporaneamente.
Queste considerazioni hanno ricadute rilevanti sul piano pratico e forniscono connotazioni di originalità e specificità all’intervento abi-riabilitativo in età evolutiva.

Il prendere atto della inscindibilità  delle diverse aree prestazionali (motoria, prassica, cognitiva, comunicativo-linguistica, affettivo-relazionale)  e della complessa interazione  delle funzioni che le sottendono, significa tendere verso un approccio olistico della riabilitazione.

Questo tipo di approccio deve essere rivolto alla facilitazione di   esperienze e  ad attività globalizzanti.
Le competenze che il bambino acquisisce progressivamente nel corso dello sviluppo sono denominate abilità emergenti.

 

 

 

 

In tutte le condizioni patologiche che disturbano il processo di maturazione e di sviluppo si viene a determinare la mancata acquisizione di nuove abilità  ed è quindi necessario aiutare il bambino, attraverso un intervento mirato, a sviluppare abilità non presenti in precedenza  di cui la lesione o la disfunzione ne ritarda la comparsa o ne minaccia l’evoluzione.

Il bambino inoltre, nel corso del suo sviluppo, acquisisce anche  competenze intra ed interpersonali (la presa di coscienza del sé, la presa di coscienza dell’altro, la presa di coscienza delle regole che definiscono i rapporti interpersonali, l’acquisizione di strategie per far fronte alle richieste dell’ambiente, la pianificazione dei propri comportamenti)  che gli permettono via via di essere inclusi  e quindi partecipare al mondo delle persone; anche queste competenze sono molteplici e anch’esse interagenti tra loro in maniera complessa.

Sono proprio queste abilità che rendono possibile al bambino l’agire e l’interagire con e sull’ambiente. Nel momento in cui si verifica la mancata emergenza di queste abilità, al bambino viene a mancare uno strumento indispensabile per la sua crescita psicologica.

Per intervenire sulle funzioni del bambino dunque non è sufficiente conoscere ed applicare tecniche specifiche per quel disturbo, perché quel disturbo che ci troviamo a trattare si verifica in una persona in via di sviluppo.

Sviluppo inteso come quel processo particolarmente complesso nell’ambito del quale si verifica la comparsa, la maturazione e la specializzazione di una serie  di competenze che favoriscono l’adattamento all’ambiente.

NEWS Nazionali dell’Associazione

Jornadas Internacionales EDAI 2016 Optimización de los recursos en un contexto de crisis: Práctica Clínica, Innovación e Investigación

Jornadas Internacionales EDAI 2016  Optimización de los recursos en un contexto de crisis: Práctica Clínica, Innovación e Investigación

Barcelona Cosmocaixa Calle Isaac Newton 26 Il ruolo del TNPEE nei servizi EDAI di attenzione ed intervento precoce. ANUPI TNPEE è presente alle giornate internazionali di Barcellona attraverso la relazione della Socia dott.ssa Benedetta Zecchi   ITALIANO "L'obiettivo di questo lavoro è spiegare il ruolo del Neuropsicomotricista, il suo profilo professionale e come, grazie al suo intervento specifico in età evolutiva, influisce in Atención Precoz (questo termine è riferito ai centri di sviluppo infantile e attenzione precoce "CDIAP" che rivolgono i loro interventi a bambini nei primi anni di vita dagli 0 ai 6 anni). A partire da una spiegazione di come le strutture neurologiche organizzano l'espressione motoria, si enfatizza l'importanza del funzionamento sensorio-percettivo in relazione alla sfera emotiva seguendo le teorie dell'integrazione corpo-mente" 36 interventi a livello nazionale e internazionale di grande prestigio come Peter Fonagy, Colwyn Trevarthen, Norka Malberg, Lopa Winters, Miquel Serra, Nelly Padilla, Ascension Martin, J. L. Tizón, Alejandro Ávila, Marc Monfort, Elena Piñero, Mercè Leonhardt... Tre giorni di sessioni parallele, 18 ore di formazione, itinerari di Salute Mentale, Logopedia, Fisioterapia, Assistenza Sociale e Neuropediatria, nei quali si presenteranno metodologie all'avanguardia nell'ambito dell'intervento rivolto all'infanzia e al contesto familiare. Primo premio per il miglior poster per la ricerca:300 €; 2º Premio 150 €   ...

Legge di stabilità regionale 2016 per la Regione Campania - Riteniamo indispensabile la presenza del TNPEE in materia di cura dei disordini del neurosviluppo

Legge di stabilità regionale 2016 per la Regione Campania - Riteniamo indispensabile la presenza del TNPEE in materia di cura dei disordini del neurosviluppo

Carissimo collega, riteniamo opportuno segnalarTI quanto è accaduto in queste ultime settimane in Regione Campania. In seguito all' approvazione della legge regionale del 18 gennaio 2016 in materia di   Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione finanziario per il triennio 2016-2018 della Regione Campania Legge di stabilità regionale 2016     la  SEZIONE CAMPANIA / MOLISE DELLA  SINPIA (SOCIETA ITALIANA DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE), ATTRAVERSO LE PAROLE DEL SUO SEGRETARIO, DOTT.SCUCCIMARRA ha ritenuto A QUESTO PUNTO doveroso esprimere la propria ferma posizione in merito al punto sotto evidenziato, presente nell'art.8 in essa contenuto:   "6. Al comma 206, dell'articolo 1 della legge regionale 16/2014, dopo le parole "sociosanitarie e sociali di cui alla legislazione vigente" sono inserite le seguenti: "e l'adozione di un percorso diagnostico terapeutico personalizzato (PDTA) che prevede:  a) precocità della diagnosi e della riabilitazione;  b) la presa in carico congiunta del paziente con diagnosi di spettro dell'autismo attraverso il coordinamento dei servizi Cure domiciliari, Sociosanitari e Materno infantile;  c) adozione del metodo Analisi Comportamentale Applicata (ABA) come metodologia a cui ispirare tutti gli interventi, nel rispetto delle linee guida di neuropsichiatria infantile.  [...].     RIPORTIAMO IL COMMENTO DELLA SINPIA CAMPANIA NEL LINK SOTTOSTANTE. http://www.quotidianosanita.it/     In quanto Associazione ...

Go to top